LADY ALESSANDRA.

splinder

 

C’era una volta una piattaforma di nome “Splinder” che io, purtroppo, non ho mai conosciuto.
Li’ le cose erano un po’ diverse. Era un blog essenzialmente di scrittori frequentato da gente che amava la lettura e non aveva secondi fini. Non si vendevano cosmetici e soprattutto non si cedeva al banale ricatto di cliccare un “mi piace” solo se si riceve un ” mi piace”, di lasciare un commento solo se si riceve un commento.
Su questa cosa, anche se sono una novella qui, penso che abbia pienamente ragione Alessandra. I meccanismi di questa piattaforma, sono essenzialmente banali e squallidi.
Che poi si possa incontrare, come spesso capita nella vita, persone integerrime e di valore morale nonche’ culturale…beh, questo e’ certo. Ma se si cerca la popolarita’, io credo che non sia il posto giusto. Meglio lavorare seriamente e in autonomia per un fine cosi’ ardito.
Tornando a Alessandra, su Splinder nacque una stella, una stella come ce ne sono altre nell’universo, certamente…ma pur sempre una stella. Si trasferi’ in WordPress con tanto entusiasmo ma questo si spense piano piano perche’ i suoi sogni erano grandi, il suo volo troppo alto. E il mondo zeppo di gente che non legge oltre le 4 righe.
Oggi il suo blog e’ chiuso. Ha terminato le trasmissioni e non solo. Ha addirittura cancellato miliardi e triliardi di parole che le traboccavano dal cuore.
E quelle parole, se lette, facevano davvero bene. Sapeva scaldare l’anima, commuovere. Era una melodia d’orchestra con tutti gli strumenti. Quelli gracchianti che urtano lo spirito e quelli dolci che cullano la solitudine.
Io le devo molto. E la voglio ricordare, e magari sollecitare a tornare. Almeno a ripristinare la sua seconda vita fatta di pensieri, amore e fantasie.
La raggiungero’ anche privatamente, questo e’ certo.
Io invece continuero’ a pubblicare, per me stessa, per chi vuole leggermi anche se saranno pochi e perche’ e’ piu’ ganzo condividere in Facebook di tanto in tanto i racconti di WordPress, e dire che ho un blog a chi e’ curioso di cio’ che mi ballonzola per la testa. Ma non impazziro’ tra un blog e l’ altro in cerca di “mi piace”. Li daro’ quando avro’ tempo e a chi se li merita.
Intanto scrivero’ un libro, segreto, tutto mio fino alla sua possibile pubblicazione. ( spero non autopubblicato). Coltivero’ sogni, famiglia, usciro’ all’aria aperta e soprattutto non smettero’ di sognare.
Lady Alessandra insegna sempre. E’ fantastica e deve tornare. Alessandra ha un cuore grande.
Grazie e scusate lo sfogo.
Un caro saluto.

Annunci

Autore: Lady Nadia

Adoro leggere, scrivere, vendere i libri. Sono libraia da sempre. Prendo spunto da personaggi o fatti del quotidiano e sento l'esigenza di amplificarli e tradurli in racconti o poesie. Mi diverte, è uno sfogo e una passione.

44 thoughts on “LADY ALESSANDRA.”

  1. Una bella letterina per far riflettere Alessandra ma, come la conosco, forse ci ripenserà oppure no. Come le ho detto sull’ultimo post, quello dei morti, mi dispiace non poterla più leggere.
    Per quanto riguarda WP, se cerchi la pubblicità o la popolarità devi cliccare a più non posso sul mi piace e commentare tutto, anche banalmente.
    E’ vero che ci sono molti piazzisti e imbonitori speranzosi di fare affari, ma basta evitarli. Prima o poi, spero prima, si stancano.
    Personalmente seguo e commento solo quello che mi piace. Il resto passa e va.

    Liked by 2 people

  2. Capisco perfettamente il fastidio che possa portare alla chiusura di un blog dato dall’idea di essere usati per l’assurdo soddisfacimento personale dovuto ad un’assurda quanta inesistente notorietà.
    Quando scrivere in un determinato luogo non è piú soddisfacente bisogna cambiare luogo. Che sia migrare in altri lidi o far sí che i lettori rispettino i propri scritti, bisogna cambiare.

    Liked by 1 persona

  3. … “Io invece continuero’ a pubblicare, per me stessa, per chi vuole leggermi anche se saranno pochi” …

    Ecco, ritenemmo corretto un atteggiamento mentale così espresso.
    Pochi, ma buoni e se quei pochi dovessero difettare, meglio pubblicare i propri pensieri ad uso e consumo dell’anonimo lettore futuro, che morire con la propria intimità inespressa e uccisa ai più.
    Buongiorno mia signora

    Liked by 1 persona

  4. Newwhitebear, ciao.
    Questa non e’ una bella letterina. Allora non hai capito. Per quanto riguarda la popolarita’ vera e propria a me non interessa. Se son rose fioriranno. Questa e’ un gesto amichevole nei confronti di Alessandra Bianchi. Punto.
    Cari saluti e peccato che non hai compreso.

    Liked by 1 persona

    1. mi spiace che tu abbia equivocato le mie parole. “Per quanto riguarda WP, se cerchi la pubblicità o la popolarità devi cliccare a più non posso sul mi piace e commentare tutto, anche banalmente.”
      Non parlavo né di te né di Alessandra. La mia era una considerazione generica, che i due paragrafi successivi hanno chiarito. I piazzisti li lascio nel loro brodo, I miei commenti ed eventuali ‘mi piace’ li lascio solo se giudico il post buono e meritevole di essere letto. I tuoi come quelli di Alessandra gli giudico tali e li commento. Se non fossero di mio gradimento, non farei nulla.
      Cosa penso di una chiusura di un blog, Alessandra lo sa, ci conosciamo dai tempi di Splinder e gestiamo Caffè letterario. Gli inviti sono sempre condivisi. Quando ha minacciato di chiudere in passato il blog, ho sempre espresso il mio disappunto ma ho sempre accettato la sua decisione.
      Se deciderà di continuare, io ne sarò molto felice. Se invece confermasse la chiusura, mi dispiacerebbe molto ma non potrei farci nulla.
      Tu dici di scrivere per te, fai bene. Per me il blog, io sono solo su WP, è un modo per stare in compagnia con gli altri. Non mi interessano i mi piace, né i commenti di convenienza.

      Liked by 1 persona

      1. caro newwhitebear, non mi sono offesa, siccome tu l’hai definita ” una bella letterina” ho sentito l’esigenza di chiarire che non era un post di “racconto” o altro. E’ una reale questione di amicizia che ha mosso i tasti.
        Non fa nulla, ti apprezzo molto anch’io. Buona serata.

        Liked by 2 people

  5. Lord Ninni grazie. Qui siamo in sintonia. Tornero’ sul suo blog perche’ ho piacere a farlo e mi incuriosisce.
    Pero’ ho poco tempo quindi a piccole dosi. Cari saluti e scusi per gli apostrofi ma a volte scrivo da uno squallido smart phone.😊

    Mi piace

  6. E Ale…ci mancherebbe. Resta se ti fa piacere, se no smetti. Ma non togliere la possibilita’ a chi vuole leggerti di poter trovare i tuoi racconti o i tuoi romanzi. E soprattutto lavora sempre per un fine e non per un riscontro. Un caro saluto.
    E poi…se cambi idea noi ti leggeremo e commenteremo. Sempre.

    Liked by 1 persona

  7. Arrivo qui proprio tramite Alessandra. Io c’ero su Splinder e lei la seguo da una vita. E’ vero, era tutto diverso lì. Sottoscrivo ogni tua parola. Come dici, non c’era la ricerca del successo, nemmeno sapevamo di essere blogger, ci piaceva solo scrivere. Nonostante tutto, è bello però vedere che qualcuno lo faccia ancora.

    Liked by 2 people

  8. qui, come nella vita, si incontrano persone vere ed arrivisti. Io ho iniziato scrivendo per me stesso, una specie di agenda nell’etere e poi ho incontrato moltissime persone. Tante sono rimaste, altre si sono perse per strada ma una mia idea me la sono fatta sul posto e sulle persone. E vado avanti come te, pubblicando per me stesso, così come ho iniziato, senza trascurare chi mi ha dimostrato un reale affetto, sia pur virtuale. Hai fatto bene a mettere in rilievo questo argomento Nadia. Ed il mio saluto va anche ad Alessandra che spero sia tornata a scrivere quelle parole di cui hai parlato….mi piacerebbe leggerle…

    Liked by 2 people

    1. Ecco che, grazie al commento di lady Alessandra, sono arrivate a lady Nadia, e direttive e le linee guida per i prossimi trent’anni.
      Ah ah ah ah ah
      😀

      _____________________________________

      L’emigrazione forzata (quasi una deportazione dopo che il gruppo Dada, aveva acquistato la piattaforma, fallendo) dentro questa nuova casa, che brilla per tantissime cose come, ad esempio, l’enorme diffusione, la capillarità e piattaforma “abbastanza” solida, non ci fece mai smettere di comportarci come su Splendor:
      scrivere per amore della scrittura e basta.
      Pensate che, la nostra anzianità splinderiana è datata agosto 2005 e per noi, ben più di un anno prima di lady Alessandra, festeggiammo il decennale con la pubblicazione del romanzo “Cuba” (c’é molta autobiografia, sotto una forma diversa)..

      Splinder fu “Splinder splendor”, gioia e dolore di una piattaforma self made, su sistemi gratuiti linux, con una manutenzione sui generis e un tentativo di diventare grande e professionale. Divenne famosa grazie a tanti blogger, come lady Alessandra, che ne fecero un punto d’incontro per scrittori, poeti, professionisti, aspiranti e varie.
      Non c’erano il “famigerati” like è vero.
      E neanche tutte quelle “faccine”.
      C’erano i commenti, quelli tanti e a ruota libera.
      Di continuo e ripetuti in quanto era molto facile fare login.
      C’erano i messaggi in privato ( o pvt e c’era, anche, una chat (pubblica o privata) che non ebbe fortuna perché di una società esterna e fuonzionava in modo pessimo).
      la sua fortuna era la “semplicità”.
      Perfettamente scalabile in html, si poteva creare di tutto.

      Molto famose divennero le “nostre” rappresentazioni, spesso ironiche, presso il blog di “milady”.
      Creavamo, alla bisogna, una pletora di personaggi sia d’invenzione nostra, sia dei racconti di Alessandra Bianchi.
      Era bella sul serio e forse proprio per questo, come le migliori cose, è finita.

      Perdonate, lady Nadia mia signora, questa prolissità.
      Abbiate una buona serata.

      Cordialità

      Liked by 3 people

  9. Grazie per la spiegazione Lord, invece l’ho molto apprezzata, mi spiace tantissimo non aver conosciuto questa piattaforma… ma e’ andata cosi’, meglio tardi che mai. Pero’ vi ho incontrato qui. Un caro saluto e Le auguro un lieto fine settimana.

    Mi piace

  10. Su quella piattaforma c’ero anch’io. All’epoca ero Catherine Sinclair e conobbi la MIA stega Alessandra.
    Ricordare splinder mi porta indietro nel tempo: quanti ricordi, quante emozioni, quante belle persone; una piattaforma che dava molte soddisfazioni. Da allora tante cose sono cambiate…e capisco quanto oggi sia più difficile portare avanti un blog perché è diventato tutto più complicato. Questa e altre piattaforme non aiutano a far crescere l’entusiasmo.
    Ma noi ci siamo, continuiamo a esserci per noi, per farci compagnia….e qui ho conosciuto una scrittrice proprio niente male: Lady Nadia!

    Liked by 2 people

  11. Questo, mia signora, a prima vista (e secondo il nostro gusto, ovviamente) è un template ch vi si addice.
    Tre le caratteristiche ravvisate:
    : Semplicità
    : Raffinatezza
    : Eleganza.

    Un trinomio che vi si addice perfettamente.
    Forse, ma è un nostro punto di vista, dovreste curare (Posto che questo sia il template definitivo), l’ampiezza dei caratteri.
    Sono, realmente, troppo ampi.
    La loro grandezza, a carattere di titolatura, disperdono la sacralità del vostro scritto.
    Parere nostro, ben inteso.

    Abbiate un sereno fine settimana.
    Cordialità

    Liked by 3 people

  12. Uhmmm…
    Adesso è eccessivo, mia signora.
    Provate con una spaziatura standard, chessò, 3/4 (se l volete normali va bene il tre), oppure un 4 (leggermente più grandino.
    Questo che leggiamo è un 1.
    Da microscopio.
    Vi ringraziammo, comunque, per la gentilezza.

    Buona giornata lady Nadia

    Liked by 1 persona

      1. Mica vero.
        La foto (e il soggetto) sono talmente belli da sembrare finti.
        Una creazione, una manipolazione, un tarocco.
        Forse, è vero, ci vorrebbe una colonnina in più. La proprietaria, però, sopperisce leggiadramente a questa piccola mancanza.
        Fatevene una ragione, mia signora.
        :
        A.Bianchi;
        – Specchio, specchio delle mie brame,
        chi è la più bella del reame? –

        Il povero specchio:
        Signora, voi siete la più bella di tutte come una visione,
        ma BiancaNadia è mille volte più bella, fatevene una ragione! –

        La Bianchi impallidì per l’ira.
        Ogni volta che incontrava BiancaNadia, il suo cuore si tormentava dalla rabbia e dall’invidia.
        Era tanto il rancore, che perse il sonno e l’appetito.
        Una sera, chiamò un Pomarev del palazzo vicino e gli ordinò:
        -Porta Biancanadia nel bosco. Uccidila e portami il suo Blog su di un piatto d’argento.-

        Il col. Pomarev obbedì e andò a cercare BiancaNadia.
        -Vieni piccola. Andremo a giocare con i cerbiatti del bosco.-
        La principessina lo seguì molto contenta.
        Giunti in un luogo solitario, l’uomo estrasse il …, un …. ehm … pugnale e disse che aveva l’ordine di ucciderla.
        -Pietà, buon uomo!- supplicò la piccola Nadia, prendendolo a sganassoni, schiaffoni e pedate sul sedere.
        – Brutto omaccione con i baffetti da sparviero, lasciatemi vivere, abbiate compassione!
        Commosso, ma proprio in lacrime, per le botte, il colonnello le disse:
        -Vai, nasconditi nel bosco e non farti vedere dalla tua matrigna.-

        ……… …… …..

        Sic transit gloria mundi
        Cordiali salutazioni

        The milord

        Liked by 2 people

  13. LORD NINNI esimio Milord, se c’è una persona che da sempre sostiene Lady Nadia, quella sono io! Altro che invidia.
    Il problema è che la deliziosa Lady rifiutò i miei suggerimenti – cieli verdi – ha la capoccia dura 🙂
    Ma sinceramente il template è da rifare! Ultimi commenti, link, numero passaggi, ultimi post, etc.

    Liked by 1 persona

  14. Confermo che dalla mia amica Alessandra non ho avuto altro che sostegno. Questa favola mi imbarazza in quanto la ritengo un po’, solo un po’, ( si fa per dire) eccessiva. Io qui ci leggo ironia e voglia di stuzzicare Alessandra che a scanso di ogni equivoco e’ senz’altro, palesemente e notoriamente piu’ abile e brava di me nello scrivere, e il suo blog certamente e’ migliore del mio. Facciamo cosi’… chiamate quel tizio per me e fate che mi porti i due vostri blog ma…mi raccomando senza uccidere nessuno!😊

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...