GIULIO IL FESSO.

IMG_20200214_203823_288

Sentito il trillo della sveglia, era balzato ģiù dal letto. Lo attendevano le consuete otto ore di fabbrica. La sera precedente aveva guardato la tivù, davano un film di supereroi, poi era andato a dormire, ma prima di prendere sonno si era rigirato più volte nel letto.
Quella mattina, con maggior intensità del solito, aveva realizzato di non aver combinato mai nulla di buono nel corso dei suoi cinquant’anni di vita. Se solo avesse potuto tornar utile a qualcuno, se solo fosse riuscito a compiere almeno una buona azione, finalmente la sua esistenza avrebbe acquisito un senso.
La vita coniugale altro non era che un ricordo lontano: qualcosa era andato storto. Di comune accordo i due coniugi avevano optato per una separazione, mettendo così fine a una serie interminabile di litigi e al terribile incubo rappresentato dal loro matrimonio.

Prima di buttar giù il solito caffè, rigorosamente amaro a causa di un principio di diabete, ancora assonnato si era trascinato in soggiorno. Dopo aver spalancato la finestra e aver tirato su le persiane, era stato travolto da una folata di aria gelida, che l’aveva fatto rabbrividire. Per qualche istante si era soffermato a guardar fuori, più per abitudine che per altro. Tutte le mattine osservava dal terzo piano la via principale; era ancora silenziosa e deserta, al punto che un qualsiasi rumore improvviso – come lo sgocciolio della pioggia o l’abbaiare di un cane in lontananza – sarebbe risultato fastidioso quanto un rullo di tamburo. Le strette vie del centro erano soffocate dagli edifici che, in quella parziale assenza di luce, davano l’impressione di esser stati ritinteggiati di nero durante la notte. Al risveglio, Giulio non provava nessun senso di eccitazione, né provava alcun sentimento di gratitudine verso quel destino che gli aveva regalato una salute piuttosto buona, mettendogli davanti la reale possibilità di vivere a lungo e bene.
Le campane batterono sei rintocchi e Giulio si scoprì a invidiare le persone di fede, che per il solo fatto d’aver recitato una preghiera o aver partecipato alla Santa messa, si sentivano felici. Lui non aveva più varcato la soglia di una chiesa dal giorno in cui si era unito a Sandra nel sacro vincolo del matrimonio, più o meno convinto di amarla, con in cuore il desiderio sincero di renderla felice. La causa principale della conseguente separazione, o perlomeno una sua buona parte, era imputabile alla sua eccessiva taccagneria. Sandra desiderava viaggiare quanto più possibile, la sua priorità era il divertimento; se ne infischiava delle faccende domestiche e intendeva godersi la vita. Per contro, Giulio viveva in maniera molto semplice, era un abitudinario dedito al lavoro, e anche al risparmio, che soleva smorzare sul nascere l’entusiasmo e ogni desiderio di sua moglie, negandole ogni richiesta e sminuendo ogni suo bisogno.
Non era mai stato un uomo altruista: odiava ricevere regali almeno quanto odiava dispensarli, e mai gli era capitato di offrire qualcosa a qualcuno, men che meno un misero caffè. Inoltre fingeva di non sentire, o peggio di dimenticarsene, qualora fosse stato necessario anticipare una somma di denaro, o nel momento in cui avesse dovuto restituire dei soldi a chichessia.
All’improvviso Giulio si era reso conto di quanto, nel corso della sua scialba esistenza, avesse sempre pensato solo a sé stesso.
Così, dopo aver abbandonato il pigiama ancora tiepido appallottolato malamente sul letto, si precipitò giù, in strada.

In testa gli era balenata un’idea grandiosa. Afferrò il telefonino che teneva in tasca, accingendosi a effettuare una breve telefonata al suo datore di lavoro per darsi malato.
Le vie pian piano cominciavano ad animarsi; quella mattina tutte le persone parevano avere qualcosa di importante da fare.
L’uomo si era appena avviato a piedi in direzione del centro, quando nel vicolo tuonò una voce a lui familiare: “San Siro si è allagato: troppi interisti in lacrime!”
In caso di sconfitta della propria squadra del cuore, Giulio era uno di quelli che mal sopportava che qualcuno ne facesse il nome.
Ebbene, si era ritrovato faccia a faccia con l’amico Giacomo, che, ben avvolto in una sciarpa della Juventus a causa del gran freddo, se la ghignava fissandolo con uno sguardo provocatorio e con un’aria di sfida.
Giulio aveva sentito aumentare la pressione sanguigna, aveva percepito tutta la muscolatura irrigidirsi, e la bocca gli era rimasta spalancata in seguito a uno spasmo involontario. Avrebbe emesso volentieri una bella imprecazione, invece si rammentò dei suoi buoni propositi, per cui si limitò a tirare un sospiro ingoiando il rospo. Deglutì, contò fino a dieci, e poi proseguì fino a venti. Sudando freddo, serrò le labbra contraendole in una smorfia, che sarebbe bastata ad esprimere il più grande disgusto, ma all’ultimo momento, facendosi quasi del male, la ricacciò indietro.
Evitando di incrociare lo sguardo dell’amico cretino, tirò dritto ignorandolo. Accelerò il passo e appena voltò l’angolo lo udì gridare: “Giulio, sei sicuro di star bene?”
Quando sbucò su una via secondaria, finalmente si sentì al sicuro.
Realizzò di esser tornato calmo e ricominciò a guardarsi intorno.
Gli sovvenne che da almeno un mese non aveva sentito sua madre al telefono; i due avevano sostenuto una discussione in merito all’ennesima questione economica famigliare. Giulio prese di nuovo in mano il cellulare e compose il numero della madre; scusandosi per la fretta, questa si congedò subito, dicendo al figlio che una sua cara amica era venuta a trovarla.

Il semaforo pedonale era ritornato rosso. Giulio notò una signora molto anziana, magra, così tanto magra che, nel vederla, chiunque si sarebbe chiesto come facesse a stare in piedi. La donna reggeva una borsa pesante con una mano, e con l’altra un massiccio bastone da passeggio.
Con tre balzi veloci Giulio le fu accanto, e proprio mentre si apprestava a distendere il braccio nel tentativo maldestro di afferrare il pesante sacco, un colpo forte e ben assestato sulla sua testa lo tramortì.
“Non si vergogna?”, sbraitò la donna; e, adirata, subito aggiunse: “Scippare la borsa della spesa di una povera vecchietta… lei brucerà per sempre all’inferno!”.
Per fortuna non un’anima viva sembrava aver assistito al ridicolo accaduto. E, inoltre, quell’arzilla signora non voleva sentir ragione. I suoi piccoli occhietti, tanto vispi quanto raggrinziti, carichi di austerità e disprezzo, senza palesare alcuna paura, fissavano il poveretto. Giulio trovò a malapena la forza di balbettare: “Ma io intendevo soltanto aiutarla, lei… Lei deve credermi!”. Per tutta risposta, con un vocione che pareva provenire dagli abissi, la donna gridò: “Non ti denuncerò se è questo che temi. Ti consiglio però di sparire in fretta, prima che mi parta l’embolo e cambi idea!”.
Ancora intontito da quel colpo molto ben assestato, Giulio cominciò a correre, rischiando persino di inciampare nell’ennesimo tombino sconquassato lungo la strada.

Solo quando fu abbastanza lontano dal luogo del malinteso, osò rallentare il passo. Ancora trafelato e dopo essersi asciugato col fazzoletto la fronte madida di sudore, si rimise alla ricerca della sua buona azione.
Una piccola folla si accalcava all’ingresso del supermercato attendendone l’apertura. Giulio notò l’immagine del suo volto riflesso in una vetrina. All’improvviso si rese conto di quanto il suo aspetto riuscisse a regalare un’impressione poco raccomandabile: la barba incolta di una settimana, la fronte rugosa, le sopracciglia lunghe e spettinate, i ciuffi di peli che gli facevano capolino dal naso; era ben chiaro che il suo viso era sciupato da un’insonnia cronica.

Un cane randagio di piccola taglia, con il pelo zozzo e arruffato, perlustrava affamato il grande parcheggio; fiutava ovunque alla ricerca di una possibile presenza di cibo. Notandolo, Giulio mosse alcuni passi, intendendo avvicinarsi a quella creatura indifesa, che senz’altro avrebbe potuto elargirgli una gran dose di amore incondizionato; ma questa si irrigidì, si inarcò, e prese pure a ringhiare digrignando i denti, trasformandosi in un essere alquanto mostruoso.
Una voce metallica, diffusa da alcuni altoparlanti, venne in suo soccorso. La terribile bestia scappò e si allontanò rapida all’echeggiare improvviso dell’annuncio: “Sono le nove, l’ipermercato apre e augura a tutti i clienti una buona giornata.”
Per come stavano andando le cose, al povero Giulio si sarebbe potuto dire davvero tutto, ma non che quella fosse una buona giornata. Tuttavia l’uomo si rese conto che era ancora mattina presto, quindi ritrovò un briciolo di speranza di poter compiere almeno una buona azione. Si aggirò piuttosto nervoso per le corsie del negozio e osservò i presenti uno per uno, finché s’imbatté in un bambino di circa quattro anni che disteso per terra, in prossimità della corsia dei giocattoli, urlava e piangeva a dirotto. Si lamentava con la sua mamma: “Non mi compri mai niente. Cattiva, sei davvero cattiva! Uffa, io lo voglio…”.
Con un fare fin troppo paziente, la giovane donna tentava di spiegare le sue motivazioni: “Oggi non posso spendere altri soldi, te l’ho già detto! Se ti comporterai bene e avrai pazienza, può darsi che Babbo Natale te lo regalerà.”
“Babbo Natale non esiste!”, gridò disperato il bimbetto, mentre il muco nasale già gli fuoriusciva dalle narici allungandosi in maniera elastica, fino a sfiorargli il labbro superiore.
Giulio si accovacciò accanto al bambino e gli sussurrò: “Oh sì, Babbo Natale esiste eccome!”.
Per tutta risposta, il discolo gli fece una pernacchia a un palmo di naso, riuscendo a sputacchiare il più recondito angolo del viso di Giulio.
A quel punto intervenne la madre, sollevando il piccolo di peso e mollandogli due forti meritate sculacciate, poi lo trascinò all’uscita, mentre il piccolo strillava come indemoniato.
Giulio fu colto dallo sconforto. Qualsiasi azione avesse intrapreso fino a quel momento e con la migliore delle intenzioni, si era rivelata del tutto sbagliata. Avrebbe senz’altro fatto meglio a rinunciare: la bontà non gli si addiceva per niente. Anzi, a ben pensarci, gli strilli del marmocchio petulante l’avevano proprio infastidito!

Sospirò ancora, e ancora, e ancora. Non sarebbe riuscito a realizzare il suo obiettivo, perciò si limitò ad acquistare una ventina di scatolette contenenti cibo per animali, lasciandole poi ricadere nel contenitore adibito alla raccolta volontaria per il canile.
Aveva appena deciso di arrendersi, quando scorse in fondo al parcheggio, in controluce davanti a un sole smorto, una sagoma piuttosto strana. In seguito realizzò la presenza di una donna, che indossava una gonna talmente lunga da sfiorare l’asfalto. Questa, chinandosi con il busto, tendeva ripetutamente la sua mano verso i passanti. Giulio le corse incontro.
“Buongiorno. Piacere, io sono Giulio. Qual è il suo nome?”
La donna lo osservò stranita, e dopo aver dichiarato di chiamarsi Jolanda, aggiunse: “Oggi no mangio. Per favore dai moneta me!”
“Non ti darò solo qualche moneta, io farò molto di più: ho piacere di regalarti tutta la spesa!”, le rispose Giulio, con estrema convinzione.
Gli occhi della donna si accesero di uno strano bagliore, e, senza pensarci su, dichiarò, abbozzando un sorriso: “Grazie, però, molto meglio soldi. Spesa dopo. Servire me anche surgelati e sono qui fino a tardi.” La donna non dimostrava più di quarant’anni, era parecchio sudicia, però non nascondeva di avere addosso parecchi gioielli.
Notando tutto quell’oro, Giulio fece un balzo indietro, tuttavia, ma solo in un secondo momento, si convinse dell’illegittimità del suo pensiero: se la donna avesse comunque posseduto quei gioielli senza mostrarli? Perché mai avrebbe dovuto liberarsene prima di chiedere l’elemosina? Talvolta oggetti simili detengono un valore affettivo oltre che economico, dunque avrebbero potuto appartenere alla madre, alla nonna, o magari esserle stati donati da un affetto davvero importante.
Quando Giulio si convinse – e non gli occorse poi così tanto – , mise mano al portafoglio per estrarre tutte le banconote che vi erano rimaste. Sudando freddo le porse alla signora: “Prendi, è tutto quello che ho.”, le disse balbettando.
Fu allora che Giulio si percepì finalmente soddisfatto, e sentì addirittura le farfalle dentro allo stomaco, o qualcosa del genere. Se solo avesse potuto comprendere prima cosa si prova nel compiere una buona azione, di sicuro non avrebbe atteso tanto a lungo per realizzarla.
Jolanda era impassibile, il suo volto era privo di espressione; viceversa Giulio era in estasi e sprizzava gioia da tutti i pori: quei soldi sarebbero bastati a sfamare per una intera settimana la famiglia di Jolanda; o magari una parte di essi sarebbe stata impegnata nell’acquisto di un biglietto, che avrebbe permesso alla donna di ricongiungersi ai suoi genitori lontani, o addirittura ai suoi nonni ormai ammalati. Perché qualcuno di davvero importante doveva esistere anche per lei, qualcuno di così speciale che aveva desiderato donarle quell’oro. Perché Giulio le credeva, o forse preferiva non credere alle dicerie della gente, che spesso addita i nomadi accusandoli di furto; in ogni caso, ciò che premeva alla sua coscienza, era il sentirsi finalmente felice e appagato.
Era diventato buono, era solo questo a contare, nient’altro.
All’improvviso si sentì travolto da una gran leggerezza d’animo e si rese conto che il grande pino, proprio al centro del parcheggio, era stato già addobbato, e che le vetrine del supermercato, come pure quella del giornalaio, erano state decorate in occasione del Natale.
Mentre si era incantato col naso all’insù, continuando a sorridere come un ebete nonostante il dolore alla testa, sull’altro lato del parcheggio transitava un’auto. Giulio non si accorse che Jolanda gettava dal finestrino un mozzicone di sigaretta, poi accelerava e sfrecciava via, a bordo di un BMW rosso fiammante, nuovo di pacca.
Senza smettere di fischiettare,
Giulio si avviò saltellando verso casa sua. Era presto, era solo la metà di novembre, eppure gli sembrava già di percepire una magica atmosfera natalizia.
Pensò che si era sempre comportato come uno stupido: tutto sommato gli era bastato così poco…

Autore: Lady Nadia

Adoro leggere, scrivere, vendere i libri. Sono libraia da sempre. Prendo spunto da personaggi o fatti del quotidiano e sento l'esigenza di amplificarli e tradurli in racconti o poesie. Mi diverte, è uno sfogo e una passione.

16 pensieri riguardo “GIULIO IL FESSO.”

  1. Giulio, già il nome è tutto un programma. Giulio è sostanzialmente un ingenuo, un fesso a trecentosessanta gradi. Se è vero che nel corso della sua esistenza ha combinato poco o niente, più vero è che per anni e anni ha continuato, per così dire, a foraggiare la sua natura di fesso. Qualcuno lo ha giudicato, ma in maniera sbagliata: nessuno dei suoi (presunti) affetti si è accorto di aver a che fare con una persona fessa, o ingenua che dir si voglia. Giulio è un fesso, ma chi gli sta accanto non se ne accorge, perché, in realtà, lui ha anche altri difetti. Chi invece non lo conosce e lo incontra per caso sulla sua strada, subito capisce che Giulio è affatto sveglio. Giulio è una macchietta, un personaggio tanto sfigato quanto fantozziano.
    Racconto non surreale ma terribilmente reale: sono tanti gli uomini come Giulio che vanno incontro alla propria involontaria distruzione. Per il momento non aggiungo altro, altrimenti rischio di svelare troppi dettagli del tuo racconto, Nadia.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...