LA SEDUTA.

Avevamo richiuso le persiane. Nella penombra, sul tavolo a tre gambe e ricoperto da una tovaglia rossa talmente lunga da sfiorare il pavimento, era stata poggiata una candela; questa irrorava di luce fioca un tabellone che esibiva tutte le lettere dell’alfabeto.
Maria, per ultima, adagiò le dita sulla moneta. “Funzionerà?”, ci domandò.
“Ho seguito alla perfezione le istruzioni del libro.”, le rispose Dany, sicura.
Anto e Miriam osservavano col fiato sospeso la fiammella, che, vibrando non poco, regalava l’impressione di potersi spegnere da un momento all’altro.
“Cominciamo?”, chiesi.
Ci scambiammo una rapida e timorosa occhiata d’intesa.
Da lì a poco notammo che la moneta scivolava sul tabellone con un moto proprio, e che, compiendo degli scatti, si soffermava ora sopra una lettera, ora sopra ad un’altra. A quel punto sollevammo incredule le nostre dita, ma fummo costrette a realizzare che la monetina seguitava a muoversi imperterrita. Maria lanciò un urlo agghiacciante, poi, a gambe levate, le cinque ragazze corsero fuori dalla stanza e si precipitarono a perdifiato giù, per le scale.
Il tavolino traballò, un lembo della tovaglia si sollevò come agitato da una improvvisa folata di vento.
Quello scemo di Marco, carponi, fece capolino da sotto il tavolo; ghignava come un matto mentre posava sulla tovaglia un grande magnete. Le mie amiche avevano già raggiunto il cortile. Se l’erano proprio fatta sotto: le udivo strillare ancora, proprio come delle oche. Marco si sarebbe potuto godere in santa pace tutto il resto del pomeriggio.
Io invece, nera di rabbia e ancora con il cuore in gola, ero piuttosto sicura che, prima di sera, quel burlone di mio fratello l’avrebbe pagata davvero cara.

Autore: Nadia Fagiolo

Adoro leggere, scrivere, vendere i libri. Sono libraia da sempre. Prendo spunto da personaggi o fatti del quotidiano e sento l'esigenza di amplificarli e tradurli in racconti o poesie. Mi diverte, è uno sfogo e una passione.

5 pensieri riguardo “LA SEDUTA.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...