LA SCALA PER IL PARADISO (dopo).

scala-cielo

La signora sale lentamente un gradino dopo l’altro. E’ avvolta da un’aurea di luce. Sembra bella come un angelo, ma nessuno è riuscito ad osservare il suo volto.

La signora è vestita di bianco. Sulla spalla ha una colomba e tra i capelli miele è posata una farfalla. Più di qualcuno è pronto a giurare che tutto sia andato proprio così.

La signora è curiosa.Deve scoprire dove conduce la scala che attraversa il cielo bucando le nuvole grigie; segue quel dolce richiamo, una musica lenta e suonata da un flauto.

La signora è stanca di rimanere con i piedi per terra. La sua bellezza non le basta più. I suoi pensieri sono divenuti ormai troppo pesanti, ha abbandonato il loro fardello nel prato.

Possiede il dono di trasformare in oro qualsiasi cosa che tocca: da sempre è così. E anche la lunga scala ora è d’oro. I gradini sfavillano accendendosi uno per uno, al suo passaggio.

La signora scompare presto dentro alle nuvole. Qualcuno crede che la sua scala possa davvero portare nel sole, ma lei desidera vederlo meglio, da più vicino, le occorre un po’ più di calore

La signora non sopportava più il freddo. Giù spirava forte il vento, scrosciava la pioggia, le ombre scure popolavano le foreste e le città, la nebbia umida avvolgeva tutto occultando ogni luce.

Lei deve vivere ancora, per sempre. Lei è già dentro il sole, Il sole è attorno a lei. E poi, e poi nessuno riesce mai a guardare bene nel sole.

Lei non ha paura. Non brucia il fuoco sulla pelle o nei capelli, solo riscalda il suo cuore. Anche la farfalla e la colomba resistono, restano, non volano via.

Suonano le note di un’ultima dolce canzone. La signora adesso è solo luce e tutto l’oro torna liquido, poi evapora in un arcobaleno.

Il vento spira. La scala ritorna fatta di nebbia, svanisce come se non fosse mai esistita.La gente incredula resta con il naso all’insù, e si domanda se è vero…

…se è vero che la bella signora è sparita nel sole. Qualcuno si domanda perché, perché il buio già avvolge ogni cosa.

The Lady is slowly rising one step after another. It is surrounded by an aura of light. Looks as beautiful as an Angel, but no one has been able to observe his face.

The Lady is dressed in white. On the shoulder has a dove in her hair honey has settled a butterfly. More than anyone is prepared to swear that everything went just like that.

The Lady is curious. Must see where does the ladder across the sky and punctured the gray clouds; It follows that sweet lure, a slow music and played by a flute.

The Lady is tired to stay with our feet on the ground. Her beauty not enough anymore. His thoughts have become too heavy, has dropped their burden in the meadow.

Possess the gift of turning into gold whatever he touches: it has always been so. And also the long scale now is golden. The spark ignites steps one by one, as he passed.

The Lady Vanishes early in the clouds. Someone believes his scale can really bring in the Sun, but you want to see it better, closer, you need a little extra warmth

The Lady could not stand the cold anymore. Strong the wind blows, rain poured down down, dark shadows roamed the forests and cities, damp fog enveloped everything by masking any light.

You have to live again, forever. You are already inside the Sun, the Sun is around her. And then, and then no one can never look good in the Sun.

She’s not afraid. Do not burn the fire on the skin or in the hair, just warms your heart. Even the butterfly and Dove resist remain, they don’t fly away.

Play notes of one last sweet song. The lady now is only light and all the gold back, liquid then evaporates into a rainbow.

The wind blows. The ladder back made of fog, vanishes as if it never existed. People incredulous remains with the upturned nose, and wonders if it is true …

… While it is true that the beautiful lady has disappeared in the Sun. Does anyone wonder why, because the darkness envelops everything already.

Delirio. Ascoltando “Stairway to heaven”

Autore: Nadia Fagiolo

Adoro leggere, scrivere, vendere i libri. Sono libraia da sempre. Prendo spunto da personaggi o fatti del quotidiano e sento l'esigenza di amplificarli e tradurli in racconti o poesie. Mi diverte, è uno sfogo e una passione.

35 pensieri riguardo “LA SCALA PER IL PARADISO (dopo).”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...